Meteo WEEKEND: ancora PIOGGIA e NEVE su molte regioni. Poi arriva un GELIDO SOLE

QUELLI CHE SI ALZANO PRIMA DELL’ALBA

Previsioni Weekend, sabato 11 e domenica 12 Dicembre 2021:

Un vortice freddo si sposterà dalle regioni centrali verso Sud nel corso dell’imminente weekend e manterrà così condizioni di maltempo su molte regioni, con pioggia, vento e neve grandi protagonisti.

Collegata a questo insidioso freddo vortice ciclonico troviamo una perturbazione che dopo aver provocato un primo serio peggioramento nel corso della giornata di venerdì 10 su molti angoli del Nord e del Centro, sabato 11 concentrerà la sua azione verso le regioni centrali adriatiche e al Sud, mentre le aree settentrionali del Paese, nonché i versanti tirrenici del Centro, avranno un ampio respiro, garantito da un’alta pressione in avvicinamento da Ovest che ci proietterà questi settori verso un generale miglioramento.
Attenzione dunque alla pioggia, a tratti anche moderata, già da sabato mattina su Marche, Abruzzo, ancora su alcuni angoli del Lazio e poi su gran parte del Sud, dove il meteo andrà ulteriormente peggiorando col passare delle ore.
Un occhio di riguardo lo meriterà senz’altro la neve che potrà cadere a bassa quota sull’Appennino centrale (6/800 metri), più in alto invece su quello meridionale dove scenderà mediamente intorno ai 1000 metri.
Da segnalare inoltre i forti venti settentrionali capaci di provocare mareggiate su gran parte dell’area tirrenica e ionica.

Il weekend si concluderà poi con una domenica 12 tutto sommato buona. Un ulteriore movimento verso levante dell’alta pressione garantirà infatti una maggior stabilità atmosferica su tutto il Nord e gran parte del Centro specie, l’area tirrenica.
Unica minaccia sarà il freddo specialmente la notte e nelle prime ore del giorno quando ci attendiamo estese gelate anche sulla Valpadana.
Residui disturbi invece potranno insistere nella prima frazione del giorno solo su basso Adriatico e al Sud dove il contesto meteo andrà comunque migliorando già dalle prime ore del pomeriggio.

Stefano Ghetti – iLMeteo.it